mercato coperto a Forte dei Marmi

Concorso di idee per la "riqualificazione ambientale ed urbana del mercato coperto a Forte dei Marmi" promosso dal comune di Forte dei Marmi.

Il progetto risponde alla sfida del bando con una soluzione in grado di ottenere un buon equilibrio tra il soddisfacimento dei vari obiettivi strategici: riqualificazione dell’area, definizione di spazi di parcheggio, studio della viabilità, utilizzo di materiali e tecnologie ad alta efficienza energetica, realizzazione di uno spazio pubblico dotato di un mix funzionale che assicuri la fruizione del luogo per i cittadini e i turisti di Forte dei Marmi nell’arco dell’intera giornata nonché dell’intero anno solare. La volumetria dell’edificio a due piani che unifica al suo interno sia la funzione residenziale che quella mercatale, deriva da valutazioni di carattere urbanistico e funzionale: attraversamento del lotto, posizionamento delle aree di parcheggio, rispetto delle distanze dai confini, allineamento con i fabbricati circostanti, rispetto dello skyline esistente, corretta esposizione. Il blocco edilizio compatto subisce poi un procedimento di “scomposizione” che taglia in due elementi distinti e affiancati il volume complessivo. Le facciate si mantengono parallele alle direzioni dei confini del lotto, e sono più o meno compatte a seconda dell’orientamento, con uno sbalzo a livello del solaio di dimensioni variabili che funge anche da protezione dagli agenti atmosferici. I lati nord-ovest e sud-ovest sono prevalentemente vetrati e accolgono gli ingressi principali, un terzo ingresso è invece posizionato sul lato sud-est nelle vicinanze del blocco scala-ascensore nonché dell’ingresso al blocco residenziale. Gli appartamenti sono stati collocati infatti sul lato sud-est in modo da godere della migliore esposizione e portati al primo livello per una maggiore privacy rispetto al livello stradale. Un blocco scala-ascensore collega l’androne al pian terreno con una loggia comune che funge da ingresso ai 6 appartamenti posti al primo piano, i residenti possono anche usufruire del grande terrazzo di copertura come ulteriore spazio comune che favorisca la socializzazione. Le zone giorno affacciano sulla loggia a sud-est, mentre le zone notte affacciano a nord-ovest sulla fessura ottenuta dallo slittamento tra le due funzioni, pubblica e privata, dove il muro perimetrale del mercato diventa giardino verticale per gli appartamenti. Il mercato coperto ha uno spazio a piano terra particolarmente ampio a doppia altezza sul lato nord-ovest che abbiamo ipotizzato completamente vetrato per catturare la maggior quantità di luce possibile. L’area destinata alla vendita è suddivisa in 16 unità di diverse dimensioni facilmente aggregabili a seconda della maggiore o minore esigenza di superficie utile. I negozi hanno avvolgibili a scomparsa in modo che negli orari di apertura del mercato l’immagine complessiva dello spazio risulti il più possibile fluida e aperta, simile cioè a quella di un mercato all’aperto. Due tappeti mobili che occupano scenograficamente il lato vetrato mostrandosi anche alla vista esterna, collegano il primo livello con quello superiore dove sono situate ulteriori 15 unità per la vendita. I fronti vetrati al secondo livello sono interamente sistemati a verde e rappresentano un piacevole sfondo di cui godere sia dall’interno che dall’esterno dell’edificio. In particolare il fronte di ingresso a nord-est diventa uno scenografico interior garden visibile dalla strada e dalla piazza di nuova ideazione che con l’illuminazione notturna si trasforma in una suggestiva lanterna urbana. Il volume edificato si inserisce nel lotto con una sostituzione edilizia non invasiva dal punto di vista volumetrico e degli allineamenti stradali, ma comunque con un alto grado di riconoscibilità rispetto all’edilizia circostante per rendere chiaro ed evidente il suo ruolo nel contesto e la sua destinazione d’uso prevalentemente pubblica. L’intenzione è quella di offrire alla città, ai suoi abitanti e ai turisti, un luogo di vendita comodo e confortevole, ma soprattutto uno spazio in cui sia piacevole recarsi e sostare anche indipendentemente dagli orari di apertura dell’attività mercatale. Proprio per questo abbiamo affiancato all’edificio uno spazio aperto a completa disposizione di tutti attrezzato per la sosta e il gioco dei più piccoli. Siamo convinti che c’è un livello intermedio tra l’architettura e chi la usa, un sistema ambientale composto da luci, colori, finiture, segni, arredi, che genera la qualità e l’identità di uno spazio e conseguentemente la qualità e la complessità dei modi d’uso e delle relazioni che può favorire.

 

dove: Forte dei Marmi (LU)

chi: Emilia Abate, Francesco Rotondale, Aurelio Galderisi

quando: 2012

render: www.plasma.cc